Contro il Trieste per il 3° posto

08.05.2014 09:42

Sabato, alla Piscina del Parco del Tigullio, con fischio di inizio ore 18.00 la DiMeglio Lavagna'90, reduce dalla brillante vittoria di sette giorni fa maturata ai danni della Pallanuoto Brescia, ospita la Pallanuoto Trieste in una sfida valida per la terza posizione in classifica generale.

La formazione friulana occupa attualmente la terza posizione della classifica generale ed arriva a Lavagna reduce da un pareggio maturato in casa dell'Andrea Doria ed una vittoria di misura, nelle mura della propria piscina di casa, contro il Torino 81.

Rispetto alla passata stagione il volto della Pallanuoto Trieste non è cambiato molto; alla guida tecnica, per il nono anno consecutivo,  Ugio Marinelli che potrà contare su un gruppo ormai consolidato e ben rodato che vede, unica perdita, Miroslav Krstovic al termine dell’attività agonistica. A prendere il posto dell’ex giocatore alabardato c’è il mancino croato proveniente dallo Jadran Herceg Novi, il ventiseienne Ivan Krizman che nelle ultime due stagioni, in Montenegro, ha segnato tanto e vinto tanto e che quest'anno ha già messo a segno 27 reti (secondo marcatore della squadra dietro al capocannoniere dei friulani Ray Petronio a quota 34).

Quella di oggi per i lavagnesi rappresenta la seconda sfida fondamentale (la prima sette giorni fa vinta brillantemente 9-4) per il raggiungimento dello storico traguardo playoff promozione. Quattro squadre in appena 4 punti e quindi fare risultato oggi diviene basilare, anche in vista dei prossimi due incontri, derby contro la Chiavari Nuoto ed ultimo turno contro la corazzata Sport Management Verona.

In settimana si sono spente le speranze di poter recuperare Francesco Cotella, che già in settimana si è sottoposto ad intervento chirurgico in modo da arrivare pronto e recuperato per l’inizio della prossima stagione. Rientro invece per Parisi dopo il recente lutto familiare e per il giovane Pedroni che pare abbia superato i fastidi muscolari. Ancora una volta Risso chiederà ai suoi maggior sacrificio nelle situazioni difensive facendo ruotare gli elementi più capaci. Nella gare di andata, al termine di un finale con parecchi errori sottomisura, si imposero gli alabardati con il risultato di 8-6.

Forti del fattore campo i biancoblu cercheranno di portare a casa i tre punti, consapevoli del valore dell'avversario che vede nel portiere Egon Jurisic, tre i meno battuti del torneo, il mancino Krizman autore ed il bomber Ray Petronio gli elementi di maggiore spicco.

Arbitrano Calabrò e Cataldi.